mercoledì 3 dicembre 2014

Pandoro senza glutine

Il Pandoro... Lo compro o non lo compro? Sarà buono o saprà di cartone? Lo compro in farmacia e lo pago una fortuna (ma almeno uso i buoni) o lo compro al supermercato? Basta!!! Me lo preparo in casa! Ma come????? In modo tradizionale o veloce?
Dopo essermi interrogata per giorni su cosa fare ho avuto una visione: il pandoro preparato da DonnaLucia!! Non oso pensare a quanti esperimenti avrà fatto prima di arrivare ad ottenere la ricetta definitiva che ha gentilmente messo a disposizione di tanta gente. Per questo non finirò mai di ringraziarla. Inizialmente volevo seguire passo passo la sua ricetta, per evitare di commettere errori e rischiare di buttare tutto, ma poi mi si è presentato il problema dello xantano. Questo ingrediente, usato come addensante, è reperibile facilmente in farmacia ma, manco a dirlo, costa il doppio rispetto ad un negozio online. Acquistare su internet, però, non mi piace molto e non avevo voglia di attendere i tempi di consegna. Ho deciso, così, di apportare qualche modifica alla farina utilizzata e sono riuscita ad ottenere un buon risultato anche senza xantano.
 
 
 

Ingredienti:

Per l'aroma al rhum:

10-15 ml di rhum

1 bustina di vanillina o l'interno di una bacca di vaniglia

Bucce di un arancio e di un limone non trattati

(senza la parte bianca)

La sera prima di iniziare la lavorazione del vostro pandoro mettete le bucce dell'arancio e del limone a macerare nel rhum.
ATTENZIONE: Quando sarà il momento di unire il rhum al resto degli ingredienti, dovrete frullare tutto fino a renderlo una crema. Io non ho, probabilmente, il frullatore adatto e non ci sono riuscita in quanto il quantitativo di rhum è minimo e il volume del composto non arrivava alle lame. Se dovesse capitare anche a voi nessun problema: io ho filtrato ed ho aggiunto solo il rhum che, nel frattempo, aveva comunque assunto il sapore delle bucce degli agrumi.

Per la biga (o lievitino):

100 gr di farina Nutrifree per pane

100 gr di acqua tiepida

12 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di miele

 
Procedete come per il pane, sciogliendo il lievito e il miele nell'acqua ed aggiungendo piano piano la farina per evitare la formazione di grumi.
Se usate un'impastatrice mettete tutti gli ingredienti insieme ed azionate la frusta a gancio.

 
(biga e bucce degli agrumi in macerazione nel rhum)
 
Mettete la biga a lievitare fino al raddoppio del suo volume.
 

Per l'impasto:

100 gr di farina Nutrifree per pane

50 gr di fecola di patate

60 gr di farina Glutafin

70 gr di latte in polvere

(perfetto quello per neonati... il più economico che trovate!)

125 gr di burro a temperatura ambiente

110 gr di zucchero

5 uova a temperatura ambiente

40 gr di cioccolato bianco

Un pizzico di sale

(la ricetta originale prevede la possibilità di usare la stessa quantità di burro di cacao ma io, per praticità, ho preferito il cioccolato bianco)

50 gr di miele

 
Mettere nella ciotola dell'impastatrice le farine, la fecola, il latte in polvere, il sale e le uova ed impastate con la frusta a gancio fino ad ottenere una pastella liscia. Trasferite il composto in un altra ciotola.
Riprendete la ciotola dell'impastatrice, che potrete anche evitare di lavare, ed iniziate a montare il burro morbido con lo zucchero. Aggiungere il rhum agli agrumi, il cioccolato grattugiato ed il miele.
Aggiungere a questo composto la miscela di farine e uova e mescolare.
Per ultimo aggiungere la biga e mescolare ancora.
 
La consistenza finale dell'impasto dovrà assomigliare ad una pastella: liscia, fluida ma non "acquosa".
 
Trasferite il composto ottenuto nello stampo precedentemente imburrato e infarinato e ponetelo nel forno acceso a 30° per circa 3 ore avendo l'accortezza di mettere sulla base del forno un pentolino con dell'acqua.
 
Durante questo tempo, l'impasto crescerà notevolmente. Attenzione alla temperatura del forno: se è troppo alta, l'impasto lieviterà troppo in fretta e, alla fine, si abbasserà di colpo.
 
Trascorse le 3 ore, aumentate la temperatura del forno a 150° e lasciate cuocere per circa un'ora.
 
A cottura ultimata, fate raffreddare perfettamente prima di togliere dallo stampo.